Tag

, , , , , , , , ,

Come una donna non più giovane ma ancora piacente, che indossando il suo vestito più bello e usando il trucco con arte cancella i segni del tempo riuscendo così ad ammaliare e a conquistare nuovamente, così la natura ottobrina, mentre appassisce e s’addormenta lentamente, decide di stupirci e affascinarci per un’ultima volta.

Nell’aria non risuona più il canto della cincia e del fringuello, il tiepido sole si limita a lambire delicatamente la pelle, il sottobosco si ricopre di aghi di pino e di foglie accartocciate mentre sui prati non più ricoperti da milioni di fiori profumati rimane solo l’erba secca e ingiallita. Ma mentre ci manda questi segni inequivocabili che preludono al lungo sonno invernale, con un ultimo disperato colpo di coda, con un guizzo inaspettato, la natura si riaccende per un ultimo, nuovo, miracolo. I larici improvvisamente si tingono di giallo e, illuminati dal sole, appaiono come immense sculture dorate che levano orgogliose le proprie braccia scintillanti verso il cielo. Sulle vette rocciose e sulle creste dei monti appare un bianco cappuccio che si staglia sul blu intenso del cielo autunnale, sul verde pallido punteggiato di ocra e marrone dei grandi boschi nei quali ormai regna il silenzio. Il sole non più alto nel cielo proietta i suoi raggi obliqui che esaltano i colori, li rendono più caldi e generano fantasiosi giochi d’ombra e di luce.

Come alla fine di una festa importante che si chiude con uno spettacolo di fuochi d’artificio, così la natura vuole salutarci prima di coricarsi per il lungo riposo invernale e lo fa in modo roboante, pirotecnico, mettendo in scena uno spettacolo grandioso e facendo esplodere i propri colori per un’ultima volta.

Ecco alcune foto scattate lo scorso fine settimana nel parco delle Dolomiti d’Ampezzo, lungo il sentiero che dalla strada per Passo Falzarego sale alla Forcella Col dei Bos, ai piedi della maestosa Tofana di Rozes  e del Lagazuoi. Spero che vi piacciano.

WP_20151024_017

i larici dorati sembrano auree sculture protese verso il cielo

WP_20151024_006

Pelmo e Cinque Torri si stagliano sull’orizzonte

WP_20151024_007

I boschi di larici e abeti ai piedi del Lagazuoi

WP_20151024_009

Boschi verdi e ocra. Il Pelmo sullo sfondo

WP_20151024_014

Ancora Pelmo e Cinque Torri, con le cime imbiancate

WP_20151024_019

In lontananza Antelao e Sorapis ci guardano

WP_20151024_031

Li vedete i camosci in centro alla foto? Erano piu vicini di quanto sembri

WP_20151024_033

Ancora camosci

WP_20151024_036

Dalla forcella si può scemdee nella Val Travenanzes, isolata e bellissima

Annunci