Tag

, , ,

Cammino per la strada e osservo le persone attorno a me. Un giovane con una cresta alta un metro, un altro dai muscoli pompati con il compressore che esplodono all’interno di un vestito troppo stretto. Una signora dalle labbra gonfiate come un canotto indossa una pelliccia di leopardo con lo strascico…

E ancora: bellimbusti abbronzati in pieno inverno, signorine che pesano 45 kg ma indossano una quarta di reggiseno, automobili degne di Batman o James Bond prese a nolo per far colpo sugli amici…

Quante persone cercano di stupire e attirare l’attenzione con abbigliamenti, capigliature, modi di fare ricercati o originali? In quanti si affidano ad un oggetto (prezioso, tecnologico o raro) puntando su di esso per rappresentare la propria personalità in una sorta di feticismo socioculturale?

È così difficile essere se stessi? Avete forse paura di non essere accettati, di non essere apprezzati? O piuttosto la povertà di idee e il vuoto interiore devono essere nascosti sotto pesanti strati di futilità?

Si cerca a tal punto di essere o fare gli esclusivi, che escludendo una persona dopo l’altra alla fine si resta soli. E la solitudine regna sovrana in questo mondo che non dorme mai, dove tutti siamo connessi gli uni agli altri, dove regna la comunicazione perenne, dove sembra non esserci più un luogo tranquillo in cui sostare e meditare.

La solitudine regna perché chi parla continuamente non ascolta mai, chi continua a muoversi non si ferma mai un attimo a riflettere, incontra mille persone ma non condivide nulla con loro, conosce un milione di individui ma non dà nulla e non riceve nulla.

Sembra ormai che per affermare se stessi si debba necessariamente compiere atti straordinari, vestire in modo ricercato, possedere beni di lusso, riportare esperienze incredibili. Ma io adoro la semplicità, quella che di solito caratterizza le persone veramente ricche, perché ricchezza significa pienezza, di idee, di relazioni, di interessi, di passione, di affetti.

Adoro la semplicità che si manifesta nella sobrietà, nella modestia, nella cortesia, nell’ascolto, nel rispetto e che ogni tanto esce timidamente allo scoperto con una citazione colta, un pensiero erudito, una riflessione acuta, un punto di vista originale.

Annunci